International Jazz Day

PER PROBLEMI TECNICI, NON E’ POSSIBILE TRASMETTERE IL CONCERTO!

Come ormai di tradizione nel nostro Istituto, sabato 30 aprile alle ore 11 si celebrerà l’International Jazz Day con un concerto nell’Auditorium del nostro Istituto.Durante la prima parte si esibirà la big band della scuola che in questa occasione avrà anche 6 cantanti solisti.

La seconda parte ospiterà invece il Reza Trio, formazione storica con Tino Tracanna al sax, , Sandro Massazza al contrabbasso e Vito Panza alla batteria, cui si aggiunge Marco Pasinetti alla chitarra.

Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming sul canale YouTube della scuola al seguente indirizzo: 

International Jazz Day

Cos’è l’International Jazz Day?
La musica ha dimostrato attraverso le varie epoche di essere un potente strumento di comunicazione. Oggi il jazz è una forma d’arte internazionale che parla tante lingue: è un mezzo di comunicazione che trascende ogni tipo di differenza. Appartiene al mondo ed è un formidabile strumento di dialogo interculturale, di unificazione e di coesistenza pacifica.
Logo The Big Band TheoryÈ per questo motivo che nel novembre 2011 l’Unesco ha ufficialmente designato il 30 aprile come giornata mondiale del jazz, evidenziando l’importante ruolo che da sempre questo genere musicale ricopre nell’unione fra le culture ed i popoli. Il jazz, infatti, trae le sue radici da un grande mix di popoli e culture, dall’Africa all’Europa, dai Caraibi agli Stati Uniti, ma è riuscito a insinuarsi nel tessuto di ogni società ed è oggi suonato ed apprezzato in tutto il mondo. Tutte queste differenze culturali lo hanno reso una “potente forza di dialogo e di comprensione tra i popoli: esso ha fornito la colonna sonora alla lotta per la dignità e per i diritti civili e rimane tuttora forza di trasformazione sociale perché racconta una storia di libertà che tutte le persone condividono”. L’International Jazz Day si propone, dunque, di riunire le comunità, le scuole, gli artisti, gli storici, studiosi e appassionati di jazz di tutto il mondo con il fine ultimo di promuovere la libertà d’espressione, il dialogo tra le culture, l’uguaglianza di genere e il rispetto dei diritti umani, per aumentare la consapevolezza della necessità di un dialogo interculturale e rafforzare la cooperazione internazionale attraverso la musica.

Presieduto e guidato da Irina Bokova, direttore generale dell’Unesco, l’International Jazz Day vanta un ambasciatore d’eccezione: il leggendario pianista compositore Herbie Hancock, in qualità di presidente del Thelonious Monk Institute of Jazz, l’organizzazione no profit che si occupa tutto l’anno della promozione di questo genere musicale. Il 30 aprile, infatti, è solo una giornata in cui culminano le diverse iniziative dedicate al jazz e programmate nel mondo durante l’intero mese di aprile.


Tutto il mondo si sta preparando a festeggiare questa giornata perché, come affermato da Irina Bokova: “In tempi di cambiamento e di incertezza, abbiamo più che mai bisogno del potere del Jazz di unire le persone… Il jazz è qui per tutti noi, per dare forma alle nostre aspirazioni di rispetto, tolleranza e libertà”.
“Jazz is not just music, it is a way of life, it is a way of being, a way of thinking” (Nina Simone)